ScienceBlogs
Home

Covid-19 e la montagna: intervista con il climatologo Luca Mercalli

1
Covid-19 e la montagna: intervista con il climatologo Luca Mercalli -

Il Covid-19 ha innescato una crisi che a sua volta ha diversi effetti sull’ambiente, sulla politica e sulla mobilità, anche in montagna. A riguardo, il ricercatore dell’Istituto per lo Sviluppo Regionale di Eurac Research, Andrea Membretti ha svolto un intervista con Luca Mercalli, Presidente della Società Meteorologica Italiana.

Domande:

1) Come la crisi innescata dal Covid-19 potrebbe aiutarci a ripensare le politiche ambientali, climatiche e di mobilità?

2) Come potrà essere la montagna post Covid-19, in particolare rispetto al turismo? Quale equilibrio va cercato tra l’affollamento delle settimane bianche di poco tempo fa (quando già il virus circolava) e la chiusura attuale di molti comuni montani anche verso i possessori di seconde case?

3) Vivere sparsi in montagna, almeno per certi periodi (anche usando le seconde case), potrebbe essere una strategia futura per mitigare gli effetti del coronavirus? E per una migliore qualità della vita anche rispetto ai cambiamenti climatici in atto?


Mercalli Luca Luca Mercalli (Torino, 1966), presiede la Società Meteorologica Italiana, si occupa di ricerca su climi e ghiacciai alpini, insegna sostenibilità ambientale (Università di Torino-SSST), e la pratica in prima persona, vivendo in una casa a energia solare, viaggiando in auto elettrica e coltivando l’orto. È consigliere scientifico di ISPRA-Istituto Superiore Protezione e Ricerca Ambientale. Giornalista scientifico per RAI e Il Fatto Quotidiano, ha al suo attivo 2200 conferenze. Tra i suoi libri: Prepariamoci (Chiarelettere), Non c’è più tempo (Einaudi), Il clima che cambia (BUR) e il libro per bambini Uffa che caldo (ElectaKids).

Membretti Andrea Eurac Research Blogs Agriculture Andrea Membretti è un sociologo e lavora come Senior Researcher presso l’Istituto per lo Sviluppo Regionale di Eurac Research. La sua grande passione sono le montagne. Andrea si occupa di nuovi abitanti delle terre alte, dai neo montanari che lasciano la città per aprire un agriturismo, ai rifugiati, costretti a vivere in borghi abbandonati dai loro abitanti o in alberghi in disuso. Andrea crede, come Mario Rigoni Stern, che le montagne non siano frontiere ma ponti tra gli uomini e le culture.

 

Tags

Facebook Comments

Related Post

ScienceBlogs
05 June 2020covid-19

Achtung, Grenze!

Alice Engl

In order to give you a better service this site uses cookies. Additionally third party cookies are used. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies.

More Information