Article

1

Già campionata oltre metà delle specie animali

Monitoraggio della biodiversità Alto Adige

© Eurac Research/ Annelie Bortolotti
20 May 2020

Durante il primo anno di monitoraggio i ricercatori in totale hanno avvistato 1.100 specie di flora e fauna. Hanno così documentato la presenza di oltre la metà delle specie animali presenti in Alto Adige secondo la letteratura. Con questo monitoraggio sistematico e di lungo periodo Eurac Research vuole offrire un quadro preciso della biodiversità e dell’evoluzione del paesaggio in Alto Adige.

Gli scienziati sono chiari: al momento non ci sono dati scientifici per affermare se il lockdown imposto durante la pandemia di Covid-19 abbia influito sugli ecosistemi altoatesini. Saranno i rilevamenti di più anni a mostrare se il 2020 è stato un anno diverso dagli altri. Ma il tempo non manca ai ricercatori del progetto Monitoraggio della biodiversità Alto Adige, che davanti a sé hanno ancora quattro anni di rilievi sul campo, per la precisione in altri circa 250 siti da aggiungere ai 64 scandagliati quest’anno. Il bilancio per i primi 12 mesi di attività è soddisfacente: sono state riconosciute sulla base del loro canto 86 specie di uccelli – la metà circa di quelli censiti nell’Atlante degli uccelli nidificanti dell’Alto Adige, 49 specie di cavallette, 104 di farfalle e 15 di pipistrelli – oltre la metà delle specie note. A queste sono da aggiungere 850 piante vascolari diverse. „Siamo positivamente sorpresi perché in un solo anno e in solo un quinto dei siti previsti abbiamo già trovato una percentuale così alta di specie. Ci conferma che il nostro lavoro procede bene e con il nostro approccio possiamo fotografare al meglio la biodiversità in Alto Adige”, afferma Andreas Hilpold, di Eurac Research, che coordina il monitoraggio. Il monitoraggio sul campo è molto impegnativo; occupa 15 esperti locali e internazionali tra i quali entomologi, esperti di pipistrelli, ecologi del suolo e botanici specialisti di piante vascolari.

© Eurac Research | Martina Jaider

Hilpold chiarisce quanto sia importante un monitoraggio che segua protocolli standard concordati: “La banca dati del Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige ha raccolto dall’inizio del XIX secolo oltre un milione di dati puntiformi su flora e fauna. I dati sono molto preziosi, ma solo in minima parte sono stati elaborati in modo sistematico e a tratti è difficile collocarli geograficamente. Questo significa che bisogna essere prudenti nel trarre conclusioni sugli sviluppi nel tempo e sulle relazioni ecologiche”. Lo studio sistematico che si sta svolgendo ora invece dovrà essere ripetuto in modo continuativo, così che i ricercatori possano capire come gli usi del suolo, per esempio l’impiego di concimi, influiscano sugli organismi e come la biodiversità si modifichi nel tempo, nei diversi habitat, a diverse altitudini e nella provincia nel suo complesso.

Oggi possiamo provare scientificamente i cambiamenti climatici grazie alle osservazioni metereologiche normate a livello internazionale. Nella biologia questi standard non ci sono ancora, ma noi stiamo contribuendo a definirli.

Ulrike Tappeiner, ecologa a capo del monitoraggio della biodiversità Alto Adige

Ulrike Tappeiner, ecologa di Eurac Research a capo del progetto, è fiduciosa: “Anno dopo anno questo monitoraggio ci darà risultati interessanti. Oggi possiamo provare scientificamente i cambiamenti climatici grazie alle osservazioni metereologiche normate a livello internazionale. Nella biologia questi standard non ci sono ancora, ma noi stiamo contribuendo a definirli”. Tappeiner sottolinea anche come la tutela della biodiversità non significhi solo proteggere la bellezza di singole farfalle: “Stiamo parlando della salvaguardia delle basi per garantire un futuro, anche economico, alle prossime generazioni”.

Download

I risultati della prima stagione di rilevamento

Tags

ISTITUTI & CENTER


Related Content

dossier

Neve

Come sta cambiando in Alto Adige e nelle Alpi

news

Un team di ricerca misura i ghiacciai dell'Asia centrale per migliorare l’approvvigionamento idrico

Greta Thunberg ist ein Tipping Point

Die "Scientists for Future" Kris Krois und Marc Zebisch im Gespräch

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Maggiori informazioni